FERNANDO BELLADONNA

Fernando Belladonna in azione

DATI ANAGRAFICI DI FERNANDO BELLADONNA

Nasce a Anversa degli abruzzi (L’Aquila)

Nasce il 18/7/1916

Muore a Roma

Muore il xx/xx/2003

STATISTICHE DI FERNANDO BELLADONNA CON LA ROMA

Ruolo: Attaccante

Stagioni: 2 (1933-1935)

Presenze totali: 1 (di Campionato)

Gol segnati: 0

Fernando Belladonna è un giovane attaccante di origini abruzzesi che cresce nel settore giovanile della Roma. Nella stagione 1933-34 i giallorossi, allenati da Barbesino, vantano un attacco di tutto rispetto composto da elementi come Guaita, Eusebio, Banchero, Costantino e Chini Luduena. In questo scenario e in un’epoca nella quale ancora non ci sono le sostituzioni a gara in corso, per il giovane attaccante le possibilità di giocare sono pressoché nulle.

L’esordio di Belladonna contro il Brescia

In vista della prima gara del campionato 1933-34 la Roma deve fare i conti con una serie incredibile di infortuni, in ultimo quello del centravanti Banchero che si ferma a causa di forti dolori all’addome. Ed è così che per Fernando Belladonna arriva il debutto da titolare, a diciassette anni e cinquantaquattro giorni, nella gara di Brescia del 10 settembre 1933. Purtroppo la sfida, che la Roma gioca dal primo tempo in dieci e che perde per uno a zero, evidenzia limiti fisici e di esperienza del ragazzo, che la stampa rimarca nelle cronache successive. Quella di Brescia rimane così l’unica presenza di Belladonna con la Roma. Il centravanti rimane in rosa infatti anche l’anno successivo ma senza mai giocare e prima di trasferirsi, nel 1935, al Cosenza in Serie C.

Quella riportata qui sotto è l'unica foto sicuramente attribuibile a Fernando Belladonna. Ed è stata pubblicata sul settimanale La Domenica Sportiva numero 38 del 17.09.1933

Fernando Belladonna in azione
Belladonna anticipato dal portiere del Brescia Perrucchetti.
Il Littoriale commenta Belladonna
Il Littoriale commenta la prestazione di Belladonna

Curiosità su Fernando Belladonna

  • Passato al Pescara, la carriera di Belladonna termina bruscamente nel 1937 in quanto radiato per aver colpito con un pugno l’arbitro della sfida contro la Sambenedettese;
  • Dopo la radiazione l’attaccante continua a giocare nell’Ernesto Breda, squadra romana semidilettantistica;
  • Alcune fonti riportano come suo nome di battesimo Mario o Marco;
  • Fernando è cugino del bridgista di fama mondiale Giorgio Belladonna.