LAJOS KOVACS

Lajos Kovacs

DATI ANAGRAFICI DI LAJOS KOVACS

Nasce a Budapest (Ungheria)

Nasce il 27/4/1894

Muore a New York (USA)

Muore il 1/10/1973

STATISTICHE DI LAJOS KOVACS CON LA ROMA

Stagioni: 1 (1932-1933)

Panchine totali: 28 (in Campionato) 

Score: 12 V – 6 N – 10 P

Rappresentante della scuola danubiana, Lajos Kovacs inizia la carriera di allenatore nello Stoccarda in Germania. Il tecnico magiaro arriva poi in Italia e si mette in luce nella stagione 1931-32 nella quale conduce il Padova alla promozione in Serie A.

Kovacs sostituisce Baar sulla panchina della Roma

La stagione 1932-33 inizia per la Roma con l’ambizioso obiettivo di migliorare il secondo e il terzo posto dei due campionati precedenti. Il giovane tecnico Baar non riesce a dare la giusta impronta e la crisi della squadra ha il suo culmine nella prima sconfitta in un derby il 23 ottobre 1932. Il presidente Sacerdoti approfitta dell’imminente sosta per la gara della nazionale contro la Cecoslovacchia per ordinare l’avvicendamento in panchina. Il 28 ottobre Lajos Kovacs arriva a Roma, accompagnato da una fama di sergente di ferro, per preparare la sua prima gara contro il Bologna del 6 novembre.

L’avventura di Kovacs con la Roma parte bene

Kovacs sa di avere a disposizione un’ottima formazione e non fa grandi cambiamenti. Con pochi aggiustamenti tattici il tecnico ungherese riesce ad invertire la tendenza e la Roma, dopo il pari iniziale con il Bologna, mette in fila cinque vittorie consecutive. La squadra sembra in grado di riprendere gli iniziali obiettivi di vittoria e l’entusiasmo è alle stelle tra i tifosi che il 4 dicembre accorrono alla stazione Termini per accogliere la Roma di ritorno dalla vittoriosa trasferta con la Pro Patria. Ben presto si torna però ad una discontinuità di risultati e Kovacs, complici anche alcune tensioni con la società, non sembra più lui. La Roma chiude con un quinto posto che lascia tutti delusi.

Kovacs e Bernardini
Kovacs con Bernardini a Testaccio
Tifosi accolgono la Roma alla stazione Termini
Kovacs, sopra a Fasanelli e accanto a Biancone, con i tifosi accorsi alla stazione Termini dopo la vittoria contro la Pro Patria

I contrasti tra Biancone e Kovacs

Nel febbraio del 1933 la Roma parte per un tour con tappe a Bordighera, Nizza, Cannes e Casale. Durante questa trasferta emergono dei dissidi tra Vincenzo Biancone e Kovacs. Il dirigente accompagnatore constata degli atteggiamenti troppo permissivi nei confronti dei giocatori e lo stesso tecnico appare meno professionale del solito. Kovacs respinge al mittente le formali rimostranze di Biancone, confermando di avere interpretato la tourneé come un momento di relax. L’ungherese non apprezza il comportamento della società e si dice addirittura disposto a interrompere il rapporto. Cosa che avverrà puntualmente a fine anno, quando Kovacs lascia la Roma dopo soltanto ventotto gare.

Carpi, Masetti e Kovacs
Kovacs con Carpi e Masetti in un momento di svago a Cannes
Relazione di Biancone
Lettera di acccompagnamento alla relazione di Vincenzo Biancone

Curiosità su Lajos Kovacs

  • Tra i risultati ottenuti con la Roma, spiccano il sette a uno casalingo contro il Torino e la vittoria nel derby rivincita del girone di ritorno;
  •  A testimonianza degli attriti emersi con Biancone durante il tour francese del febbraio 1933 esiste la copia originale della relazione fatta dal dirigente al presidente Sacerdoti. Questo eccezionale documento è conservato da Gabriele Pescatore e l’aneddoto è ben raccontato nel libro AS Roma-La grande storia di Fabrizio Grassetti, Massimo Izzi e Gabriele Pescatore (Newton Compton 2014).