ORESTE BENATTI

Oreste Benatti

DATI ANAGRAFICI DI ORESTE BENATTI

Nasce a Mirandola (Modena)

Nasce il 11/4/1905

Muore a Roma

Muore il xx/xx/1982

STATISTICHE DI ORESTE BENATTI CON LA ROMA

Ruolo: Centrocampista

Stagioni: 2 (1928-1930)

Presenze totali: 60 (di Campionato)

Gol segnati: 11 (in Campionato)

Oreste Benatti è un’ala molto veloce, abile nel dribbling e dotata di un tiro forte e preciso. Cresce nella società della sua città natale, la Mirandolese, e da qui passa alla Reggiana per il campionato di Divisione Nazionale 1927-28.

Renato Sacerdoti porta Benatti alla Roma

In vista del campionato 1928-29 la presidenza della Roma passa da Italo Foschi a Renato Sacerdoti, che pianifica una massiccia campagna di rafforzamento. A parte gli acquisti del terzino Barzan e del centrocampista D’Aquino, le attenzioni vanno alla fase offensiva con gli arrivi di Bernardini, Volk, Eusebio e, appunto, Oreste Benatti. L’ala emiliana si mette subito in mostra, a cominciare dall’amichevole contro il Genova organizzata per festeggiare il ritorno a Roma di Bernardini e da quella contro la Fiumana nell’ambito dell’affare Volk. In campionato Benatti è uno dei protagonisti assoluti del terzo posto romanista, disputando tutte le trenta partite e andando a rete per due volte, contro Triestina e Novara. L’ex reggiano fa ancora meglio nel 1929-30, in occasione del primo campionato a girone unico nazionale, realizzando nove gol e conquistando i tifosi. Nonostante queste prestazioni, a fine anno Benatti è ceduto al Lecce, sacrificato per fare posto a Raffaele Costantino.

Roma e Alessandria in campo
Benatti, dopo il portiere Ballanti e Barzan, in occasioone della sfida contro l'Alessandria del 1.11.1928
Benatti e Ferraris IV
Con Ferraris IV mentre l'arbitro Giorgi verifica i cartellini prima di Roma-Genova del 15.12.1929

Curiosità su Oreste Benatti

  • Benatti è soprannominato dai tifosi della Roma “er sorcetto”, per la sua capacità di sgusciare tra le difese avversarie come fosse un topolino. Un altro nomignolo a lui attribuito è “er motorino”, per via della sua grande mobilità;
  • L’1 giugno 1930 Benatti è l’unico giocatore non romano a scendere in campo nelle fila giallorosse nella sfida esterna contro la Juventus;
  • Con la maglia della Roma Oreste Benatti gioca alcune partite storiche come la gara di inaugurazione di Testaccio contro il Brescia, il primo derby della capitale dell’8 dicembre 1929 e il nove a zero alla Cremonese, risultato più tondo di sempre;
  • Nelle cinque partite giocate da ex contro la Roma, l’emiliano non va mai a segno.