MARIO ACERBI

DATI ANAGRAFICI DI MARIO ACERBI

Nasce a Lodi

Nasce il 01/07/1913

Muore a Lodi

Muore il 20/02/2010

STATISTICHE DI MARIO ACERBI CON LA ROMA

Ruolo: Difensore

Stagioni: 4 (1939-1943)

Presenze totali: 90 (77 di Campionato e 13 di Coppa Italia)

Gol segnati: 0

Titoli: Scudetto 1942

Mario Acerbi è un difensore che fa della grinta, dell’intensità e della determinazione le sue doti migliori. Piede naturale sinistro, muove i primi passi in Serie C con il Fanfulla, la squadra della cittadina dove è nato. Sono tanti gli osservatori che mettono gli occhi sul giovane Acerbi e prevedono per lui un futuro in Serie A. Tra questi, quelli della Roma decidono di metterlo alla prova in occasione di amichevoli e di una tournée estiva al termine della stagione 1938-1939. Mario Acerbi conferma quanto di buono si pensa di lui e diventa un calciatore della Roma, con la maglia della quale gioca da titolare le due stagioni successive. Le sue caratteristiche tecniche ben si sposano con quelle del compagno di reparto Brunella, molto più calmo e riflessivo, andando a formare un’ottima coppia di difensori.

Acerbi su Il Littoriale del 14 agosto 1939 alla vigilia della partenza per Roma

Mario Acerbi nell’anno dello scudetto della Roma

Nella stagione 1941-1942 parte con il piede sbagliato commettendo un paio di gravi errori, soprattutto il 23 novembre in campionato contro la Fiorentina. Il suo posto da titolare sembra quindi vacillare anche perché un giovane validissimo come Andreoli scalpita tra i rincalzi. E’ la sfortuna a mettere la parola decisiva e a togliere ogni dubbio a mister Schaffer quando un avversario, nel tentativo di fare una rovesciata, colpisce violentemente il ginocchio di Acerbi. Con una rotula quasi fuori sede, dimostra una tenacia di altri tempi provando a rimanere in campo ma deve poi arrendersi e andare in ospedale. E’ il 21 dicembre 1941, la Roma pareggia zero a zero contro la Triestina allo stadio del Littorio di Trieste e qui termina in anticipo la stagione di Mario Acerbi. Rivede il campo il 14 giugno 1942 ma solo per partecipare ai festeggiamenti nella vittoria esterna di Modena che vale l’ambito scudetto.

Il ritorno a casa

Acerbi dopo l’infortunio non è più lo stesso e non riesce perciò a riprendersi il posto da titolare lasciato al forte Andreoli. La stagione del dopo scudetto la trascorre quindi tra le riserve e conseguentemente decide di tornare a casa al Fanfulla per terminare la carriera. In giallorosso chiude con 90 presenze di cui 77 in Campionato e 13 in Coppa Italia.

Acerbi ripreso su Il Littoriale in azione nella sconfitta di Milano con l'Ambrosiana Inter per 3 a 0 del 22 ottobre 1939

Curiosità su Mario Acerbi

Mario Acerbi è soprannominato “Maghin” dai suoi compagni di squadra.