Crea sito

MAURO AMENTA

Mauro Amenta con la maglia della Roma

DATI ANAGRAFICI DI MAURO AMENTA

Nasce a Orbetello (Grosseto)

Nasce il 23/11/1953

STATISTICHE DI MAURO AMENTA CON LA ROMA

Ruolo: Centrocampista

Stagioni: 2 (1979-1981)

Presenze totali: 27 (16 di Campionato, 1 di Coppa delle Coppe e 10 di Coppa Italia)

Gol segnati: 1 (in Campionato)

Titoli: Coppa Italia 1980 e 1981

Mauro Amenta è un mediano adattato a terzino e con il vizio del gol. Uno dei primi esempi di laterale capace di offendere come di difendere e in grado di ricoprire diversi ruoli agendo sempre sulla corsia esterna. Interprete del ruolo secondo i princìpi del calcio totale di matrice olandese.

Nel Perugia dei miracoli di Castagner

Mauro Amenta inizia giovanissimo nel Civitavecchia di Luciano Moggi e, dopo un passaggio per Genoa e Pisa, si afferma a Perugia. Con gli umbri ottiene la promozione in Serie A e disputa poi tre ottime stagioni nella massima serie. Sono gli anni durante i quali Castagner costruisce la squadra dei miracoli che nel 1978-1979 sfiora lo scudetto piazzandosi dietro al Milan campione. Non fa parte però di questa ultima stagione in quanto passato l’estate precedente alla Fiorentina.

Mauro Amenta per la Roma del Barone Liedholm

Mauro Amenta arriva a Roma nell’estate del 1979 su richiesta di Liedholm. Dino Viola, neo-presidente, per il ritorno del tecnico svedese a Roma acquista Amenta insieme ad Ancelotti, Benetti e Turone. Rientra anche Bruno Conti dal prestito al Genoa. Il Barone ha in mente di schierare la squadra a zona e Amenta, protagonista nel Perugia in uno schema simile, sembra il terzino sinistro ideale. L’inizio è promettente con il giocatore toscano che alla seconda giornata va anche già in rete a Pescara, a conferma della sua confidenza con il gol. Dopo una buona partenza arriva però un passaggio a vuoto, dapprima con l’espulsione nel derby segnato dalla morte di Paparelli e poi con un infortunio alla caviglia in Coppa Italia contro il Milan. Siamo a novembre e Mauro Amenta riprenderà a giocare con regolarità soltanto a inizio 1980, più da mediano che da terzino. A fine anno colleziona 13 presenze in campionato e 8 in Coppa Italia, inclusa la finale vittoriosa con il Torino. Che gioca da titolare con la maglia numero 11 e che rappresenta il punto più alto della sua permanenza romana (vedi foto più in basso).

Mauro Amenta segna di sinistro a Pescara
Amenta realizza di sinistro in diagonale il gol del momentaneo 2 a 0 della Roma a Pescara alla seconda giornata del campionato 1979-80

Un secondo anno complicato in giallorosso

L’estate del 1980 dà uno scossone alla storia della Roma. Nella capitale arriva Falcao e la zona di Liedholm diventa una ragnatela fitta di passaggi orchestrata dalla sapiente regia del brasiliano. Il possesso palla diventa il marchio di fabbrica della Roma. Il nuovo gioco favorisce giocatori tecnici e poco si addice alle caratteristiche migliori di Amenta, corsa e agonismo. Il coriaceo centrocampista finisce così tra i rincalzi e vede poco il campo. In campionato saranno tre le presenze a fine anno. Due quelle di Coppa Italia, che la Roma si aggiudica per la seconda volta consecutiva. L’unica soddisfazione è il debutto nelle Coppe Europee, seppur prendendo parte alla drammatica disfatta di Jena che costa alla Roma una clamorosa eliminazione dalla Coppa delle Coppe. L’anno successivo Amenta si trasferisce al Pescara, passando per Palermo. E prima di terminare la carriera nuovamente a Perugia. Appesi gli scarpini al chiodo per diversi anni fa il vice-allenatore, legandosi a Walter Novellino, conosciuto proprio in Umbria.

La Roma che affronta la finale di Coppa Italia 1980
Amenta, secondo in piedi da sinistra, nella formazione che affronta il Torino nella finale di Coppa Italia del 17.5.1980
Amenta in azione in Roma-Torino finale di Coppa Italia 1980
In azione nella finale del 1980 contro i granata

Curiosità su Mauro Amenta

  • Durante gli allenamenti con la Roma viene ogni tanto messo in porta da Liedholm per dare modo a Tancredi e Paolo Conti di divertirsi in mezzo al campo;
  • Sempre in allenamento il Barone usa disporre spesso i giocatori a centrocampo chiedendo loro di calciare in porta provando a cogliere la traversa. Ogni tiro vale mille lire e Amenta è uno dei più precisi;
  • Nell’estate del 1981 si trasferisce a Palermo, dove però resta un solo giorno. Al termine del primo allenamento svolto nel ritiro estivo dei rosanero, Amenta torna ad Orbetello. Decide di rescindere il contratto e pochi giorni dopo va al Pescara.